Valutazione dello Stato Nutrizionale

L'Adipometria.

Con il diffondersi delle conoscenze scientifiche sulla composizione corporea il concetto di peso corporeo ha subito una integrale evoluzione, non essendo più concepito come un’entità statica ed inscindibile correlata a parametri come la statura e, solo in alcuni casi, il tipo costituzionale (brevitipo, normotipo e longitipo), ma come un insieme di comparti le cui percentuali possono variare nell’ambito dello stesso peso.

 

Sono disponibili numerosi studi sulla composizione chimica e tissutale del corpo umano che permettono non solo una valutazione della struttura corporea in toto e delle sue componenti ma anche delle modificazioni che si verificano in condizioni sia patologiche che fisiologiche.

Tali conoscenze sono finalizzate alla stima delle necessità energetiche e nutrizionali per la corretta impostazione del fabbisogno nutrizionale.

 

L'esatta conoscenza della composizione corporea permette una migliore valutazione dell'eccedenza, o del difetto ponderale, e nel contempo permette l'individuazione del peso desiderabile in funzione di una serie di parametri quali età, sesso, tipo costituzionale, stato muscolare, ....

 

La stratigrafia Ultrasonografica con ecografo ad ultrasuoni consente di avere una valutazione quantitativa e qualitativa del tessuto adiposo e muscolare, sulla loro distribuzione, la tipologia del tessuto sottocutaneo, lo spessore del muscolo sottostante in modo da consentire un trattamento nutrizionale qualitativamente mirato.

 

 

Esempio di Adipometria

 

paziente: donna di anni 57

 

peso iniziale 81,00 Kg

peso dopo 12 mesi 63,90 Kg

 

punto vita iniziale 110,00 cm

punto vita dopo 12 mesi 90,00 cm

 

punto fianchi iniziale 115,0 cm

punto fianchi dopo 12 mesi 101,00 cm

 

plica adiposa nel punto di misurazione addome (punto di repere) iniziale 5,50 cm

plica adiposa nel punto di misurazione addome (punto di repere) dopo 12 mesi 3,50 cm

Body Metrix BX2000

La procedura diagnostica a ultrasuoni è utilizzata in una molteplicità di cliniche, comprese ostetricia, ginecologia e cardiologia. Il suo utilizzo è in crescita, in modo particolare nel dipartimento di emergenza per la sua rapidità nella creazione di immagini.

La caratteristica più importante di questa tecnologia risiede nella possibilità di osservare la struttura interna del corpo umano in assenza di radiazioni ionizzanti, e più rapidamente che con la tecnologia a raggi X.

La metodologia di misurazione è totalmente priva di disturbi e assolutamente non invasiva.

Le onde ad alta frequenza attraversano i tessuti e producono un riflesso - detto eco - in prossimità delle intersezioni tra i diversi strati, questi echi vengono letti dalla sonda e interpretati per creare la rappresentazione degli strati di tessuto.

Per valutare l'accuratezza della tecnologia ad ultrasuoni BodyMetrix, è stato effettuato un confronto con immagini ad alta risoluzione ottenute con la Tomografia Assiale Computerizzata (TAC).

La TAC è impiegata per rilevare immagini sezionali ad alta definizione, la sua risoluzione è prossima a 0,5 mm. Il limite della TAC risiede nell'elevato costo della strumentazione e nella presenza di radiazioni ionizzanti nocive. Per questo motivo non è possibile pensare a un suo utilizzo regolare ed è necessario personale e locali adeguati.

L'Adipometro BodyMetrix garantisce una precisione di misura paragonabile alla TAC ma elimina totalmente i rischi per la salute dovuti alle radiazioni e abbatte i costi della misura.

La stratigrafia del tessuto adiposo

consente di eseguire una scansione

bidimensionale delle sedi anatomiche,

in cui si desidera valutare la reale

morfologia dei pannicoli adiposi e delle fasce muscolari ed eventualmente la loro evoluzione a seguito di un trattamento dietologico

opportunamente strutturato su misura

(Utter e Hager, 2008).

 

Questo innovativo strumento consente

un livello di precisione e accuratezza

enorme!

 

L’adipometro permette di MISURARE, con estrema precisione, lo spessore dello strato di grasso sottocutaneo (in centimetri) e lo spessore del muscolo (in centimetri) e, molto importante, permette di valutare lo STATO di questi strati.

Ad esempio è possibile distinguere tra il grasso che si sta metabolizzando, ovvero che si sta consumando, da quello che non viene metabolizzato, oppure si può distinguere un muscolo più allenato da uno meno allenato.

 

In tal modo sarà possibile creare un programma personalizzato che si

adatta alle esigenze di ognuno: come il dimagrimento di zone specifiche

o rassodamento di altre o al potenziamento muscolare.